Avvio del nuovo anno scolastico, il Ministero dell’Istruzione e i Sindacati hanno firmato il Protocollo d’Intesa per la ripresa in sicurezza delle attività didattiche ed educative per la fascia 0-6 anni.

Si tratta in pratica dell’applicazione alla scuola per l’infanzia del più generale protocollo d’intesa sottoscritto dalle due parti all’inizio del mese per consentire una riapertura delle scuole in accordo con le indicazioni del Comitato tecnico scientifico per la prevenzione dell’epidemia di COVID-19.

LE MISURE DI SICUREZZA

Il documento prevede che per garantire la sicurezza dei bambini e del personale in presenza del rischio di contagio da Coronavirus si adottino misure che includono:

  • la stabilità dei gruppi e l’uso, se possibile, esclusivo dei locali;

  • modalità specifiche di sorveglianza sanitaria;

  • l’istituzione di commissioni addette al monitoraggio dell’applicazione del protocollo stesso;

  • per i piccoli nuovi iscritti, laddove il personale lo ritenga necessario, spazi per l’accoglienza e l’inserimento con tempi appropriati e con l’accompagnamento di un genitore o di un delegato.

Date le specificità dovute all’età dei bambini (presenza di adulti che accompagnano, non impiego delle mascherine da parte dei bambini) si pongono ovviamente delle problematiche specifiche che riguardano la tutela dei lavoratori fragili, ovvero gli insegnanti, educatori o personale ATA affetti da patologie e/o con età più avanzata. Per questi soggetti il protocollo prevede l’impegno alla deroga alla Normativa vigente e l’aumento degli organici.